P. Tim Galvin, quarto da destra, presta servizio a Riwoto dal 2014.

Tim Galvin ha fatto un passo  indietro ed è rimasto a  guardare  il popolo sudanese meridionale, che ha servito negli ultimi otto anni, mentre gli  mostrava come vivere in comunione con il creato di Dio.

Mesi fa, nella remota comunità di Riwoto, nel Sudan del sud, p. Galvin e un gruppo di circa 50 persone stavano celebrando la Messa. Si trovavano accanto al loro giardino di Santa Maria Maddalena, un progetto di Tempo del Creato che era giunto a buon fine.

Insieme leggono Apocalisse 22: 2: “ Da una parte e dall’altra del fiume si trova un albero di vita le foglie dell’albero servono a guarire le nazioni.“.

Uno alla volta, il popolo sudanese del sud ha condiviso come il creato li guarisce.

Un guardiano della scuola, Joseph Lokonoi, ha presentato l’”alibakonyen”, una pianta simile a una rampicante con teste grigie, e ha spiegato come cura l’ittero.

Un altro guardiano, Mark Lopungoi, si è avvicinato a un recinto lì vicino e ha mostrato il “nyakamongo”, il nome locale di una pianta simile a una vite che può aiutare a rimarginare le ferite.

Gente del luogo, a Riwoto, come Mark Lopungoi, ha mostrato a p. Galvin come vivere in comunione con il creato.

Suor Mary Nkatha, direttrice della scuola elementare della zona, ha accompagnato tutti nel luogo in cui avevano piantato il black-jack, una fonte di iodio.

‘Se ti tagli’, ha detto al gruppo, ‘raccogli le foglie della pianta e grattale tra le mani. Questo ti guarirà’.

P.Galvin poteva solo meravigliarsi. È cresciuto in Irlanda, si è laureato in matematica, irlandese e storia all’University College di Cork e ha completato un corso di teologia quadriennale presso il St. Patrick’s College.

Ma era la gente di Riwoto, quasi tutta priva di un’istruzione formale, ad insegnargli qualcosa di reale.
“C’è una saggezza qui già nella società tradizionale. Siamo partner dell’ambiente. Conoscono il loro ambiente più di quanto io possa conoscere il mio in Irlanda”, afferma.

P. Galvin e i membri della comunità di Riwoto inaugurano il loro nuovo giardino di Santa Maria Maddalena.
Il 68enne è un sacerdote cattolico da 43 anni ed è da tempo consapevole del ruolo che la cura del creato gioca nella dottrina sociale cattolica.

Ma il suo servizio a Riwoto e il suo studio della Laudato Si’ di Papa Francesco lo hanno cambiato.

P. Galvin ha visto come il popolo sudanese meridionale comprende il valore curativo del creato e come si prende cura dei doni di Dio all’umanità.

“Dipendono dalla natura … e lo sanno”, afferma.

Gli abitanti di Riwoto raccolgono arachidi mentre lavorano per migliorare la loro sicurezza alimentare.

P. Galvin ha anche studiato l’Enciclica e recentemente è diventato un Animatore Laudato Si’ . Attraverso la formazione gratuita di sei settimane, si è messo in contatto con migliaia di persone in tutto il mondo che stanno guidando le loro comunità a intraprendere un’azione cattolica contro la crisi ecologica e l’emergenza climatica.

Ha anche ricevuto gli strumenti di cui aveva bisogno per guidare la sua comunità nella cura della nostra casa comune.

(Vivi i tuoi valori: diventa un Animatore  Laudato Si ’oggi stesso)

“Papa Francesco parla di Madre Terra. Ne ha parlato anche san Francesco. ‘Laudato si’, mi Signore, attraverso Madre Terra'”, pronuncia p. Galvin, citando il “Cantico delle Creature di San Francesco “.

Poi si è fermato. “Non l’avrei detto qualche anno fa, ma lo dico ora. Forse sono arrivato a capire come siamo così dipendenti dalla Terra, per tutto, cibo, medicine,… “.

P. Galvin ha sperimentato questa trasformazione promettente tra morte e distruzione.

Il Sudan è stato travolto da una guerra civile di 22 anni che si è conclusa nel 2005. Quasi 2,5 milioni di persone sono state uccise e altri quattro milioni sfollate.

Il Sudan del Sud ha ottenuto la sua indipendenza nel 2011, ma due anni dopo, il nuovo paese è precipitato in sei anni di combattimenti che hanno ucciso più di 400.000 persone.

Eppure la comunità di Riwoto rimane fiduciosa. Con la Laudato Si’ come guida, lavorano per un futuro migliore e apprezzano la loro vicinanza a Dio e all’intero creato.

“Questo è il lavoro della Chiesa”, sostiene Joseph Loyda, 50 anni, che gestisce l’irrigazione e la piantumazione degli alberi da frutto locali, tra cui tamarindo, banano del nord, mango, nyeronit e nyebei. “Questa è davvero l’opera di Dio”.

P.Galvin è cresciuto nel sud-ovest dell’Irlanda prima di diventare sacerdote della Società Missionaria di San Patrizio e trasferirsi in Kenya nel 1978.

Nel suo paese natale, ricorda una delle sue sorelle che contemplava sempre la bellezza del creato e nominava i fiori selvatici mentre camminavano lungo le strade di campagna.

A quei tempi, tuttavia, p. Galvin non era molto interessato ad ammirare il creato.

La sua conversione ecologica è iniziata solo qualche decennio dopo, quando ha notato l’aggravarsi dell’emergenza climatica in tutto il mondo.

“Siamo in crisi. Una notte, guardi il telegiornale e l’Artico si sta sciogliendo. Un’altra sera guardi il telegiornale e la California sta bruciando, l’Australia brucia ”, continua.

“Sembriamo molto, molto impotenti … Ma la Laudato Si’ ci sta dando un modello di come possiamo cambiare e proteggere il creato. “

Nel 2017, un paio d’anni dopo che Papa Francesco ha finito di scrivere l’enciclica, p. Galvin e altri missionari nel Sudan del Sud e in Kenya si sono riuniti per studiare la Laudato Si’.

L’anno scorso, quando la pandemia COVID-19 ha bloccato il mondo, p.Galvin si è impegnato in ulteriori studi sulla Laudato Si’, iscrivendosi alla formazione gratuita Animatore Laudato Si’.

Si è messo in contatto con migliaia di persone da tutto il mondo tramite Zoom e ha appreso da esperti le cause profonde della crisi climatica e i princìpi fondamentali della Laudato Si’.

Ha nutrito speranza connettendosi con persone che la pensano allo stesso modo, che erano anche pronte a guidare le loro comunità ad agire per il creato.

“Persone … in tutto il mondo … che stanno cercando di fare qualcosa per la crisi climatica”.

La formazione lo ha anche aiutato a capire meglio l’ingiustizia della crisi climatica: come le persone che stanno subendo i suoi peggiori effetti hanno avuto meno a che fare con le emissioni di gas serra che, secondo gli scienziati, invece, sono la causa della crisi.

“È il grido della Terra e il grido dei poveri”, afferma p. Galvin, citando la Laudato Si’.

P. Tim Galvin presiede una celebrazione eucaristica in un giardino di Riwoto.

Vede e sente regolarmente entrambe le grida a Riwoto, nel sud-est del Sudan meridionale, non lontano dall’Uganda e dal Kenya.

Alla popolazione locale mancano i bisogni di base, come l’elettricità. Devono abbattere alberi per la legna da ardere per bruciare carbone e provvedere alle loro famiglie.

“C’è un’enorme pressione sulle risorse naturali, in particolare sulle foreste, poiché oltre il 99% della popolazione del Sudan meridionale dipende dalle foreste come fonte di energia: legna da ardere e carbone, e legname per l’edilizia e i mobili”, ha dichiarato il presidente Salva Kiir Mayardit in un rapporto del 2018 sull’ambiente del Paese.

Il rapporto ha anche evidenziato il crescente problema della deforestazione nel Paese. “La legna da ardere e il carbone rappresentano oltre l’80% di tutto il legno utilizzato nel Sudan meridionale, con un tasso di deforestazione annuo stimato tra l’1,5 e il 2%”.

La deforestazione può portare rapidamente ad altri problemi, hanno dimostrato gli scienziati, tra cui un aumento del rischio di inondazioni, poiché gli alberi assorbono il suolo e l’acqua.

Il taglio degli alberi può anche ridurre la quantità di pioggia nell’area, affermano gli scienziati, poiché alberi e piante re-inviano l’umidità raccolta dall’aria di passaggio, provocando le precipitazioni.

Nel 2019, le Nazioni Unite hanno riferito che quasi un milione di persone nel  Sudan del sud sono state colpite da forti inondazioni. P. Galvin e gli abitanti di Riwoto hanno dichiarato di aver assistito ad intense inondazioni dal vicino fiume Singaita.

“Gli alberi stessi sarebbero un aiuto per impedire all’acqua di distruggere giardini, case e mezzi di sussistenza delle persone”, sostiene p. Galvin.

Ogni giorno, lui e altri agiscono per il creato di Dio e per creare un futuro più resiliente in quella regione.

Quando piove, Joseph Loyda pianta alberi autoctoni e durante la stagione secca (da novembre a giugno) li annaffia insieme  ai due vivai per circa quattro ore al giorno. Nei vivai si coltivano alberi autoctoni, tra cui rovi, tamarindo e banano del nord.

Joseph Loyda si prende cura degli alberi a Riwoto.

La sua dedizione al creato gli è valsa un soprannome speciale da p. Galvin: “Il San Francesco di Riwoto. ”

“Rendo merito a Joseph per avere questi frutti da mangiare ogni giorno”, ha dichiarato p. Galvin durante una recente intervista, sollevando il frutto del banano del nord.

Joseph è fuggito dai combattimenti nel suo villaggio nel 1983 prima di arrivare a Riwoto e incontrare p.Galvin circa 10 anni fa.

“Sono molto felice di fare questo lavoro perché vedo che l’ambiente sta cambiando, gli alberi lo stanno avvantaggiando”, afferma. “Gli alberi … attirano la pioggia e la pioggia per noi qui è una benedizione.”

Stacy Muhuyi si prende cura del creato contribuendo a piantare un vivaio a Riwoto.
Angelo Lowii prepara un vivaio a Riwoto.
Raccolta di banane a Riwoto come parte degli sforzi della comunità per migliorare la propria sicurezza alimentare. Gran parte del loro cibo viene importato dal Kenya.
La comunità si prende anche cura ogni giorno del loro giardino in crescita di Santa Maria Maddalena.

Suor Mary Nkatha, una missionaria di Maria Madre della Chiesa, mesi fa ha guidato la piantumazione del giardino di 25 metri quadrati di fronte alla scuola elementare. Gli 800 bambini che cammineranno ogni giorno nel giardino dopo la pandemia COVID-19 avranno l’opportunità di apprezzare Madre Terra ogni giorno.

L’orto aiuta anche a migliorare la loro sicurezza alimentare, poiché gran parte del cibo del Sudan meridionale viene importato dal Kenya.

Suor Nkatha ha letto la Laudato Si’ su sollecitazione di p. Galvin e l’ha terminata sentendosi incoraggiata. “Mi ha dato quel seme per continuare, per fare di più”, afferma.

Nkatha e tutto Riwoto hanno già l’opportunità di fare di più.

La gente ha dato a p. Galvin e ad altri sette acri per costruire una scuola secondaria. Altri vivai sono in cantiere.

L’ambiente e la situazione a Riwoto e nel Sudan del sud sono tutt’altro che ideali. Decenni di guerra hanno devastato le comunità e il creato.

Ma attraverso la Laudato Si’, Papa Francesco ha mostrato loro la via da seguire, e p. Galvin e la gente di Riwoto stanno seguendo il suo piano.

“Abbiamo un problema”, ha detto Galvin, “e la Laudato Si’ è il modello da seguire”.